Enogastronomia

6 marzo 2014

Nostalgia di terra

In questo tempo dieci anni fa, scavavo buche, tiravo fil di ferro, pigiavo con le mani la terra soffice e odorosa intorno al fusto delle barbatelle. Il mio amico Gianni appassionato di cose buone della terra, mi  era vicino, mi faceva da occhi, e tra un discorso e l’altro infarcito dell’essere stato sociologo e organizzatore di persone, mi aiutava a…

leggi tutto..

C’è chi fa i prodotti e c’è chi legifera sulle etichette

Ho finalmente bevuto dell’ottimo nuovo vino e condito del pesce con ‘olio nuovo, delicato, dai sentori lievi d’erba fresca. E dire, che a differenza di tanto olio adulterato con la bella etichetta a norma, questo non aveva nulla sulla bottiglia, e ad identificarlo c’era solo la faccia screpolata dal tempo, ma con dei begli occhi vispi del contadino che me l’ha…

leggi tutto..

Biologico: l’illusione di mangiar sano a prezzi molto più cari

Un’altra delle mode farlocche in cui tanti cadono è quella del biologico. Le aziende per certificarsi pagano una burocrazia che non garantisce e tutela il consumatore. E così i prezzi sono necessariamente più alti quando il risultato finale  in termini di salubrità del prodotto non cambia. Ad, esempio, l’uso di concimi organici in alternativa a quelli di sintesi cosa può…

leggi tutto..